Gli azzurri si sono presentati in versione B alla terza partita del girone, certi ormai della qualificazione e del primo posto. Il ct Antonio Conte voleva la vittoria, che però non è arrivata, complice anche la lotta fino alla fine alla quale i giocatori irlandesi hanno dato vita. Sugli spalti prevalenza di maglie verdi, ma i tifosi italiani hanno risposto all’invito dell’allenatore, indossando tutti una maglia azzurra. Gli irlandesi, maestri di simpatia e sportività a questo UEFA Euro 2016, hanno applaudito l’Inno di Mameli.

UEFA Euro 2016: non chiamatele riserve, ma con la Spagna servirà ben altro

Al termine del match con l’Irlanda, perso dall’Italia per 0-1, il ct Antonio Conte ha dichiarato di aver ricevuto dai ragazzi le risposte che voleva. Secondo l’allenatore è stata una partita molto fisica su un terreno di gioco ai limiti della praticabilità. Tuttavia, chi è sceso in campo, un po’ ha deluso. Primo tra tutti Thiago Motta, che del numero 10 ha mostrato solo la maglia, mai incisivo, spesso in ritardo e un po’ pasticcione. Bonucci e Barzagli, senza Chiellini, hanno retto la difesa, ma con qualche difficoltà in più rispetto alle altre partite. La coppia d’attacco Zaza-Immobile non ha trovato spazio, in mezzo alla marea di maglie verdi che hanno annullato qualsiasi tentativo. Nel corso del secondo tempo, Conte ha buttato Insigne nella mischia, facendolo esordire a UEFA Euro 2016, e l’approccio alla gara del ragazzo ha fatto pensare che forse sarebbe stato meglio inserirlo prima: palo per lui, ma non è bastato a dare la scossa agli azzurri. Il ct non vuole che si parli di riserve e titolari, ma la squadra di ieri, con 8 cambi rispetto alla formazione che ha domato il Belgio, non sembra reggere il confronto.

Antonio Conte: Spagna favorita? Lo dite voi

Sempre un po’ stizzito con i giornalisti, il ct azzurro ha glissato così la domanda sull’avversaria dell’Italia agli ottavi: “Spagna favorita? Ditelo voi che siete bravi a giudicare”. Nei giorni scorsi, l’allenatore aveva ribadito più volte che i suoi ragazzi hanno fatto già molto di più quello che ci si aspettava e non bisogna dimenticare i limiti di questa squadra. Ieri sera voleva vincere per fare bottino pieno, però ha cambiato ¾ dei giocatori, facendo pensare più ad un allenamento che ad un incontro di UEFA Euro 2016. Per il ct parlerà il campo, e allora appuntamento a Lunedì 27 Giugno, ore 18:00, per vendicare la finale di quattro anni fa.